Condividi

Sistema Pubblico di Identità Digitale

SPID permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati aderenti in maniera semplice, sicura e veloce.

Con questo sistema puoi accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti, con una coppia di credenziali (username e password) personali.

Come funziona lo SPID?

Con una unica password puoi accedere ai siti della pubblica amministrazione, ma anche prenotare prestazioni sanitarie, fare iscrizioni scolastiche, accedere alla rete wi-fi pubblica e molto altro. Al seguente link hai una panoramica dei servizi messi a disposizione tramite SPID.

Sono previsti fino a 3 livelli di sicurezza per accedere ai diversi siti:

  • livello 1, con le credenziali SPID dell’utente (nome utente e password);
  • livello 2, con le credenziali SPID e la generazione di un codice temporaneo di accesso one time password (OTP) o l’uso di un’app fruibile attraverso un dispositivo, come ad esempio uno smartphone;
  • livello 3, prevede l’utilizzo di ulteriori soluzioni di sicurezza e di eventuali dispositivi fisici (es. smart card) che vengono erogati dal gestore dell’identità.

Ti consigliamo di attivare il livello 2 dato che per alcune prestazioni è necessario autenticarsi con questo livello (ad esempio le pratiche da elaborare sul sito INPS e sul sito Agenzia Entrate).

Per il livello 2 è utile possedere uno smartphone su cu caricare l’appicazione del gestore scelto per effettuare l’autenticazione.

Come ottenerlo?

Prima di attivare SPID ricordati che devi essere maggiorenne e avere a disposizione:

  • un documento italiano in corso di validità;
  • la tua tessera sanitaria (o tesserino codice fiscale);
  • la tua e-mail e il tuo numero di cellulare personali.

Esistono diversi gestori privati abilitati che rilasciano lo SPID. Al seguente link hai una panoramica di chi sono.

Scegli tra i gestori di identità abilitati (identity provider) e registrati sul loro sito.
La registrazione consiste in tre passaggi:

  1. inserisci i tuoi dati anagrafici;
  2. crea le tue credenziali SPID;
  3. effettua il riconoscimento scegliendo tra le modalità offerte dal gestore.*

Il riconoscimento ha il fine di far certificare la propria identità personale da parte di un soggetto autorizzato. Questo perchè c’è necessità che qualcuno verifichi in modo certo che il rilascio delle credenziali SPID venga fatta proprio a quella persona e non ad un terzo.

Le modalità di riconoscimento attive

  • di persona, presso gli uffici dei gestori di identità digitale (Poste e Infocert hanno una presenza capillare sul territorio);
  • via webcam, con operatore messo a disposizione dal gestore di identità o con un selfie audio-video, insieme al versamento di una somma simbolica tramite bonifico bancario come ulteriore strumento di verifica della tua identità;
  • con Carta d’Identità Elettronica (CIE) o passaporto elettronico, identificandoti attraverso le app dei gestori, scaricabili dai principali app store;
  • con CIE, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) – è possibile usare anche la tessera sanitaria -, oppure con firma digitale grazie all’ausilio di un lettore (ad esempio la smart card) e del relativo pin.

Quasi tutti i gestori esegono gratutamente il riconoscimento di persona, mentre le altre modalità sono spesso soggette a pagamento.

Hai altre domande? Consulta le FAQ dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

Ora torna ai nostri tutorial e utilizza il tuo nuovissimo SPID.

Tags:

L’articolo è stato utile? Lascia un commento sotto e seguici sui social per essere sempre aggiornato

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.


Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere aggiornato sulle nuove uscite dei nostri articoli?

Iscriviti alla newsletter di Fisco Amico



Scadenze

31 gennaio 2021
- Esonero Canone Rai

16 giugno 2021
- Acconto IMU

30 giugno 2021
- Saldo e primo acconto imposte